Tatuaggi e sport: da Beckham a Balotelli, da Rodman alla Pellegrini

Schiena e braccia di David Beckham, il baronetto del calcio inglese, sono ricoperte di tatuaggi (foto Reuters)

Schiena e braccia di David Beckham, il baronetto del calcio inglese, sono ricoperte di tatuaggi (foto Reuters)

Se ne vedono di tutti i colori, ma solo Mario Balotelli poteva pensare a Gengis Khan. Di che parliamo? Semplice, dei tatuaggi, una decorazione del corpo strettamente legata al mondo dello sport. Calciatori e campioni dell’Nba, ma non solo. E anche le donne, ovviamente. I corpi degli sportivi sono spesso ricoperti di tattoo: disegni, frasi o semplici numeri. L’ultima perla dell’attaccante del Manchester City è solo una scusa per un elenco dei più eclatanti tatuaggi sportivi.

Mario Balotelli e il suo ultimo tatuaggio (Foto The Sun)

Mario Balotelli e il suo ultimo tatuaggio (Foto The Sun)

Mario Balotelli – Partiamo allora proprio dal numero 45 dei Citizens. Come ha celebrato il primo gol stagionale in Premier League? In un night con “costose” bellezze locali? Con una nuova auto di lusso colorato in modo strano? No, stavolta no. Mario si è fatto un nuovo tatuaggio, quattro righe in inglese sulla parte sinistra del petto: “Io sono la punizione di Dio. Se voi non aveste commesso peccati gravi, Dio non avrebbe mandato una punizione come me su di voi”. Una frase del condottiero mongolo del 1200 Gengis Khan. Modesto, il giovanotto.

Kevin Prince Boateng e i suoi tattoo ( (Foto Dino Panato/Getty Images)

Kevin Prince Boateng e i suoi tattoo ( (Foto Dino Panato/Getty Images)

Kevin Prince Boateng – Restando nel calcio, passiamo da un futuro, possibile, giocatore del Milan, a chi nei rossoneri già gioca da un paio di stagioni. Boateng, ormai un guru del tattoo, ha persino una pagina Facebook dedicata esclusivamente al suo body painting (quasi 5000 fan). E consiglia: “Non fatelo sulle costole, fa malissimo”. Povero, si consolerà con Melissa Satta.

L'attaccante del Cagliari Mauricio Pinilla (Foto viptattoo.altervista.org)

L’attaccante del Cagliari Mauricio Pinilla (Foto viptattoo.altervista.org)

Mauricio Pinilla – In Serie A c’è poi un altro straniero amante dei tatuaggi: Pinilla, attaccante cileno del Cagliari, ne ha tantissimi sulle braccia. Ma soprattutto, il tatuaggio più grande, ce l’ha sul petto: il nome della primogenita Augustina Paz.

Il polpaccio del romanista De Rossi (Foto photofinish.blogosfere.com)

Il polpaccio del romanista De Rossi (Foto photofinish.blogosfere.com)

Daniele De Rossi – Ne ha molti su spalle e braccia, ma durante gli scorsi Europei il centrocampista della Roma ha attirato l’attenzione per un disegno particolare sul polpaccio destro. Simboleggia un tackle, quasi un avvertimento per gli avversari. E le sue prestazioni a Euro 2012 non hanno smentito la sua grinta. Simpatico, ma pur sempre minaccioso insomma.

Lo svedese del Psg Zlatan Ibrahimovic (Foto Reuters)

Lo svedese del Psg Zlatan Ibrahimovic (Foto Reuters)

Zlatan Ibrahimovic – Con il campione svedese diamo il via al gruppo di giocatori che hanno sfoggiato i loro tatuaggi nel nostro campionato, prima di lasciarlo per terre più ricche. E Ibra, in quanto a tatuaggi, è così speciale che la Nike nel 2011 ha pensato bene di omaggiarlo con un giubbotto “ad honorem”: tutti i tifosi possono avere sulla schiena i suoi stessi disegni, perché copiati sul retro del “Destroyer Jacket” (VIDEO). Un omaggio dell’azienda americana a uno dei suoi principali testimonial. Tra i tattoo impressi ci sono la scritta “solo Dio può giudicarmi” e un “sobrio” dragone giapponese. Se siete fan di Zlatan, e magari un po’ pazzi, potrete essere come lui. Almeno visti da dietro.

David Beckham e i suoi tatuaggi sulle braccia (Foto Getty Images)

David Beckham e i suoi tatuaggi sulle braccia (Foto Getty Images)

David Beckham – Uno dei corpi tatuati più amati dalle donne di tutto il mondo. Sir David, che ha appena concluso la sua missione calcistica ai Los Angeles Galaxy vincendo il titolo per la seconda volta, è uno dei calciatori più disegnati che ci siano. Molti i disegni, che Beckham preferisce rispetto ai simboli tribali di tanti altri sportivi. Molta importanza, invece, viene data alla sua famiglia. Il nome della moglie Victoria in Hindi, i nomi dei suoi tre figli, una frase in latino (“Ut Amem et Foveam”), il numero 7 in numeri romani. Sono solo alcuni dei tatuaggi sul suo corpo, da anni ambito dalle marche di intimo e moda. Appariscente, in campo e fuori.

L'ex Napoli, ora al Psg, Ezequiel Lavezzi

L’ex Napoli, ora al Psg, Ezequiel Lavezzi

Ezequiel Lavezzi – I calciatori argentini, si sa, sono spesso un po’ sopra le righe. L’attaccante ex Napoli non è da meno, a partire dalle decorazioni del suo corpo: dall’immagine di Gesù Cristo sul petto alla pistola nella fondina sul fianco destro, la fantasia non gli manca. Ma il meglio Lavezzi lo offre su schiena e spalle. Sono completamente ricoperti da immagini di ogni tipo, su tutte l’enorme stemma del Rosario Central, la sua squadra del cuore. Chissà cosa ne pensano i sostenitori del Paris Saint Germain, sua attuale squadra. Magari, per farsi perdonare, El Pocho avrà già in mente un tatuaggio della Tour Eiffel.

La punta del QPR Djibril Cissé (Foto AP/Gregorio Borgia)

La punta del QPR Djibril Cissé (Foto AP/Gregorio Borgia)

Djibril Cissé – Se cercate un ragazzo tranquillo per vostra figlia o vostra sorella, ecco, forse non è quello giusto. Il bomber francese è da sempre un tipo eccentrico: appassionato di musica (perfino dj) e di automobili, è forse il calciatore più tatuato in circolazione. Sul petto la scritta “Celeste”, in onore del Marsiglia, suo vecchio club. Poi il simbolo di un’altra sua ex squadra, il Panathinaikos. Ma su tutti spiccano le due enormi ali sulla schiena, che però hanno una motivazione religiosa: di fede islamica sin da piccolo, Cissè si è convertito al cattolicesimo, ed essendo Djibril la traduzione in arabo di “Arcangelo Gabriele”, ecco la scelta di tatuarsi le sue ali sul corpo.

Maradona e i suoi due tatuaggi "politici"

Maradona e i suoi due tatuaggi “politici”

Diego Armando Maradona – Chi non conosce il più folle e talentuoso calciatore di ogni epoca? E altrettanto famoso è il suo tatuaggio di Che Guevara sul braccio destro. Ma El Pibe De Oro ne ha altri, tra cui, su un polpaccio, quello di un altro suo idolo politico, il cubano Fidel Castro: storica la foto che immortala Maradona nell’atto di mostrare al Lider Maximo il suo stesso volto tatuato sulla gamba. Estremo in tutto Diego, lo è anche nei tatuaggi.

Iron Mike in posa con il suo tribale in primo piano (Foto AP)

Iron Mike in posa con il suo tribale in primo piano (Foto AP)

Mike Tyson – Basta calcio, anche perché gli altri sport quanto a tattoo non sono da meno. E tra gli ex atleti, uno dei più “mad” è stato Iron Mike, famoso quasi più per l’orecchio staccato sul ring a Evander Holyfield che non per le sue grandi doti di boxeur. Il simbolo tribale intorno al suo occhio sinistro è noto anche per una sua copia nel film “Una notte da leoni 2”, la cui data di uscita nelle sale rischiò di slittare per una causa per violazione di copyright da parte proprio del tatuatore di Tyson.

Dennis Rodman in aggressive style (Foto hdnet)

Dennis Rodman in aggressive style (Foto hdnet)

Dennis Rodman – L’ormai cinquantenne Dennis è un idolo per gli appassionati di basket Nba, e non solo per le sue doti di rimbalzista. Capelli colorati e piercing ovunque, ma soprattutto tantissimi tattoo. Nell’ambiente girava una barzelletta troppo divertente per non essere sintetizzata in questo pezzo. Dennis Rodman approccia una donna in un bar. Si piacciono e lei va con lui nella sua stanza di hotel. Rodman si toglie la maglietta, lei vede i suoi tatuaggi e tra questi legge la scritta “Reebok” su un braccio. Sorpresa, chiede il perché e Dennis risponde “Quando gioco a basket, la telecamera inquadra il mio tatuaggio e la Reebok mi paga per la pubblicità”. Dopo un po’ via anche i pantaloni, e così compare la scritta “Puma” su un polpaccio. E Dennis ripete la stessa spiegazione. Alla fine tocca alle mutande, e così la donna vede la scritta “AIDS” sul suo pene. Si sposta, scioccata, dicendo: “Non intendo fare sesso con un uomo che ha l’Aids!”. Ma Dennis risponde: “Tranquilla baby, tra un minuto ci sarà scritto ADIDAS”.

Chris Andersen, pivot di Denver (Foto Getty Images)

Chris Andersen, pivot di Denver (Foto Getty Images)

Chris Andersen – Il compagno di squadra di Gallinari nei Denver Nuggets è forse il cestista più “disegnato” in Nba. Il suo soprannome Birdman non deriva, come si potrebbe pensare, dalle sue pur notevoli capacità acrobatiche, bensì dai numerosi disegni di volatili presenti sul suo corpo. Andersen, 34 anni, ha tre aquile, uno stormo di uccelli e molti altri simboli di pennuti in tutto il corpo. Tatuaggi di mille colori, persino sul collo. Per ora si salva solo il polpaccio sinistro. Per ora, appunto.

Jason Terry e il dettaglio del suo tattoo del Larry O'Brien Trophy (Foto Ronald Martinez/Getty Images)

Jason Terry e il dettaglio del suo tattoo del Larry O’Brien Trophy (Foto Ronald Martinez/Getty Images)

Jason Terry – Restiamo nell’Nba per mostrare un vero veggente: Terry due anni fa si è tatuato il Larry O’Brien Trophy sul braccio destro. Nulla di strano, se non fosse che si tratta del trofeo di chi vince il campionato. Preso in giro dai media per questo, alla fine della stessa stagione il giovanotto ha vinto, con i Dallas Mavericks, proprio l’Nba.

Federica Pellegrini, versione "dorso"

Federica Pellegrini, versione “dorso”

Federica Pellegrini – Per non rischiare di sembrare maschilisti, passiamo ai tatuaggi al femminile. Però, ci perdonerete, inziamo proprio con un’immagine che farà felice qualche maschietto. E chi, se non la bella nuotatrice veneta?Anche se Federica non arriva a dieci tatuaggi (uno, fatto qualche anno fa per Luca Marin, lo ha prontamente cancellato): tra questi ci sono una libellula e un fiore sul piede sinistro, un drago sul piede destro e la scritta “Nient’altro che noi” dedicata al fratello. Ma il più amato dai tifosi (il plurale maschile è d’obbligo) forse è il tribale nero sul fondoschiena. E come dargli torto…

Il dettaglio del tattoo di Missy Franklin (Foto FranklinMissy Twitter)

Il dettaglio del tattoo di Missy Franklin (Foto FranklinMissy Twitter)

Missy Franklin – La bella e fortissima nuotatrice a stelle e strisce ha solo 17 anni. Un po’ giovane per esser piena di disegni, ma ha dato il via ai suoi tattoo dopo Londra 2012, tatuandosi il simbolo dei cinque cerchi olimpici sul fianco destro. Un piccolo omaggio alle sue 4 medaglie d’oro.

Un'esultanza di Natasha Kai, la più tatuata della Nazionale Usa di calcio (Foto Lars Baron Getty Images)

Un’esultanza di Natasha Kai, la più tatuata della Nazionale Usa di calcio (Foto Lars Baron Getty Images)

Natasha Kai – Chiudiamo tornando al calcio, ma al femminile. La bella 29enne, attaccante della nazionale statunitense, ha origini hawaiane e un corpo letteralmente disegnato. Tra tantissimi tribali, fiori e simboli, ecco la scritta in inglese che ha sul fianco destro: “Appreciate the moment, the most precious treasure on earth is my heart, when I share it with you, protect it as if it were your own”.

Una risposta a “Tatuaggi e sport: da Beckham a Balotelli, da Rodman alla Pellegrini

  1. Pingback: Pensieri di Sport va “in vacanza” | Pensieri di Sport·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...