La 100esima edizione del Tour de France: favoriti, percorso e curiosità

Bradley Wiggins, vincitore del Tour 2012, circondato dai suoi compagni del Team Sky in trionfo sugli Champs Elysees. Chi vincerà quest'anno?

Bradley Wiggins, vincitore del Tour 2012, circondato dai suoi compagni del Team Sky in trionfo sugli Champs Elysees. Chi vincerà quest’anno?

Tutti pronti? Preparate le scarpette, mettetevi gli occhiali da sole e saltate sul sellino: sta per partire il Tour de France 2013, l’edizione numero 100 della corsa ciclistica più importante del mondo. Ieri ne abbiamo ripercorso la storia centenaria, oggi diamo spazio all’immediata attualità. Come è strutturato e quali sono le tappe, i numeri che lo caratterizzano e, soprattutto, chi lo vincerà.

I FAVORITI

Quotisti, giornalisti e addetti ai lavoro sono d’accordo su chi ha più chances di vincere questo Tour: Christopher “Chris” Froome. Tutto lascia pensare a lui, e non solo perché arrivò secondo alla Grande Boucle dello scorso anno. Froome, nato in Kenia ma naturalizzato inglese, ha 28 anni e nella prima metà dell’anno ha già vinto Oman, Criterium, Romandia e Delfinato. Dato in gran forma, dunque, guida il Team Sky, il più agguerrito al via. E infatti è quotato solo a 1,75.

Dopo di lui, per gli scommettitori, arriva Alberto Contador a 3,5. Insomma, la metà delle possibilità di vittoria. Lo spagnolo (Saxo Tinkoff), che ha saltato la scorsa edizione per squalifica e cui è stata tolta la vittoria nel 2010 per doping, ha però trionfato nel 2007 e nel 2009. Ha detto: “Se non fossi qui per vincere non sarei venuto affatto al Tour”. Insomma, ci crede.

I due grandi favoriti sono loro, seguiti da possibili sorprese. C’è Andy Schleck (Radioshack), cui fu assegnata la vittoria nel 2010 e che arrivò secondo l’anno successivo. C’è Cadel Evans (Bmc), che nel 2011 vinse e vorrebbe tornare a Parigi in giallo. E poi Alejandro Valverde (Movistar), Joaquin Rodriguez (Katusha), Jurgen Van Den Broeck (Lotto), Nairo Quintana (Movistar) e Richie Porte (Sky).

I VELOCISTI

Non ambiscono ad arrivare in giallo alla fine, ma di sicuro cercano la gloria nelle singole tappe. Sono gli specialisti dell’arrivo in pianura, gli sprinter del ciclismo. Tra loro, su tutti, spicca Mark Cavendish, che ha già dichiarato di voler aprire il circo delle maglie gialle 2013. A seguire i vari Degenkolb, Greipel, Kittel, Bouhanni, Goss e Boasson Hagen. Poche le speranze azzurre, chiamate Bennati e Ferrari. C’è poi chi può vincere nello sprint ma anche in salita. Un ciclista che non vincerà il Tour, ma può stupire in più di una tappa: Peter Sagan, l’uomo di punta della Cannondale.

GLI ITALIANI

Chiariamo da subito che ci si aspetta ben poco dai 18 italiani presenti in terra francese. Senza Nibali e Basso l’azzurro più importante sarà l’eterno incompiuto Damiano Cunego, che può puntare a entrare nella top ten, cercando di restare in scia dei favoriti. Attesa per l’esordio al Tour di Moreno Moser, giovane promessa del nostro ciclismo. Oltre ai già citati Bennati e Ferrari si può sperare in qualche exploit dei singoli, ma nulla più.

I GRANDI ASSENTI

Mai come quest’anno il Tour sarà però caratterizzato dalle assenze: basti pensare che mancheranno il primo e il terzo nella classifica finale del 2012, cioè il britannico Bradley Wiggins e il nostro Vincenzo Nibali, che quest’anno si è aggiudicato il Giro d’Italia. Hanno dato forfait anche Rigoberto Uran, Ivan Basso e Samuel Sanchez, protagonisti certi in una corsa come questa. Tra i velocisti invece niente da fare per Fabian Cancellara e Tom Boonen.

IL PERCORSO

Per la prima volta, da quando è nato nel 1903, il Tour correrà in Corsica. Le prime 3 tappe infatti saranno sull’isola del Mediterraneo, poi la competizione si sposterà sulla terraferma. 21 tappe totali, dal 29 giugno al 21 luglio, per un totale di 3404 km. 7 tappe di pianura, 6 di montagna (3 pirenaiche e 3 alpine), 2 cronometro individuali e una a squadre. Solo 4 gli arrivi in salita, quelli che possono fare la differenza, tra cui i classici Mont Ventoux e l’Alpe d’Huez. Gli atleti si riposeranno solo 2 giorni.

DOVE VEDERLO

Tutti possono approfittare della trasmissione in chiaro e in diretta sui canali di Rai Sport e su Rai 3, mentre sul satellite la corsa francese sarà visibile su Eurosport (canali 211 e 212 di Sky).

NUMERI E CURIOSITA’

Edizione numero 100, 22 squadre, 198 corridori al via e 21 tappe da percorrere. Sono 4 le maglie in palio (gialla per il leader della classifica generale, verde per chi domina la classifica a punti, a pois rossi per il leader degli scalatori e bianca per il miglior giovane, cioè under 25).

Come sempre la passerella finale, al termine dell’ultima tappa, sarà a Parigi. Ma quest’anno è previsto un arrivo in notturna sugli Champs-Elysees, novità suggestiva voluta dagli organizzatori per celebrare il centenario. E per lo stesso motivo (come accadde anche nel 2003) si farà tappa nelle principali città francesi: Lione, Marsiglia, Tours, Montpellier, Gap, Nizza. E per lo stesso motivo, dopo 10 anni, si svolgerà nuovamente l’intera corsa sul territorio francese.

Due le curiosità di tappa, a partire dalla prima crono individuale che sarà a Mont Saint-Michel, che ospita per la seconda volta nella storia l’arrivo di una tappa. E poi l’ultimo tappone alpino, quello decisivo per il trionfo finale (tappa 19), avrà un arrivo inedito ad Annecy Le Semnoz: 10,7 km di salita con una pendenza media dell’8,5% (per capirci, lo Stelvio ha una media del 7,1%).

Infine, purtroppo, qualcosa che ci riguarda: l’Italia non vince il Tour da 15 anni, quando Pantani volò sulle salite francesi. E nelle ultime 14 edizioni abbiamo collezionato solo 3 piazzamenti sul podio (Basso 3° nel 2004 e 2° nel 2005, Nibali 3° nel 2012). Insomma, un Tour poco azzurro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...